Posts

Bolano 2666

Il migliore amico di Bolaño

Questa è la terza parte di un articolo uscito per Finzioni Magazine. Qui intero. Qui la prima parte. Qui la seconda parte.

[…] Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l’autore fosse tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira. […].
(Il giovane Holden, Jerome David Salinger)

“Poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira”.
Figuriamoci. Applicato ai fattori Jorge Luis Borges, Julio Cortázar oppure Roberto Bolaño il ragionamento avrebbe coinciso con un’accelerazione drastica del concetto e del reato di stalking e con il mio arresto.
Ma loro ne avevano ben donde. Loro si chiamavano Adolfo, Paco e Mario e sono stati per Borges, Cortázar e Bolaño quella persona e quell’amico: il migliore. Read more

che cos'è un racconto

Che cos’è un racconto?

Eravamo dalle parti di Facebook, ai limiti del decoro, quando è successa una roba stimolante*.

Si discuteva di racconti con gli amici del Cr@pula Club.

Discutere di racconti mi piace.

[Paolo Rónald Iglesias Montero, celeste come Juan Carlos Onetti e come Felisberto Hernández, una volta ha detto: Non porto rancore ma non dimentico.

Paolo Rónald Iglesias Montero si riferiva ai tifosi dell’Atalanta che dopo il suo passaggio alla Juventus l’avevano fischiato, criticato, probabilmente insultato ma tant’è, insomma, c’è di peggio. Read more

racconti Borges

Dieci racconti di Jorge Luis Borges

Secolo Corta torna con una faccia à la Ibrahimović e un articolo saturo d’insolenza (gaia e simulata).

Sentite qua: dieci racconti di Jorge Luis Borges.

Sottotitolo: Chi di tassonomie ferisce, ça va sans dire, di tassonomie perisce.

DISCLAIMER

Sono state prese in esame – dal mio gatto, Arturo Bandini, e dal sottoscritto – le quattro raccolte di racconti più celebri di JLB, in ordine di pubblicazione: Storia universale dell’infamia (1936), Finzioni (1944), L’Aleph (1949) e Il libro di sabbia (1975).

Non è una graduatoria, ci mancherebbe.

Distinguerne dieci è azzardo sufficiente. Read more